AVVISO PER LE SOCIETA’ LOMBARDE

In merito alla ripresa delle attività sportive si ricorda a tutte le Società lombarde che nell’ambito del territorio regionale permane in vigore fino al 31 maggio p.v. l’Ordinanza 547/20 di Regione Lombardia, che ne consente lo svolgimento secondo parametri più restrittivi di quanto previsto dal D.c.p.m. del 17/5/20, cui si rifanno le linee guida federali del 22/5 u.s. per la ripresa degli allenamenti.

Pertanto, al fine di evitare sanzioni, prima di riprendere le attività di sala e gli allenamenti occorrerà attendere l’emanazione di nuova ordinanza regionale in merito e verificare anche le ordinanze comunali vigenti a livello locale.

CHIARIMENTI IN MERITO ALLA RIPRESA DELLE ATTIVITA’ SPORTIVE IN TERRITORIO LOMBARDO

Si porta l’attenzione delle Società lombarde sulle disposizioni contenute nella Ordinanza 547/20 emanata dalla Regione Lombardia in data 17 maggio 2020 , che all’articolo 1.5 comma 1 chiarisce che fino alla data del 31/5 p.v. è <<consentito lo svolgimento di attività sportive unicamente all’aria aperta, […] ivi compreso lo svolgimento di lezioni individuali o per piccoli gruppi fino a un massimo di quattro persone esclusi gli istruttori, subordinatamente all’osservanza di tutte le misure di prevenzione e protezione utili per assicurare il distanziamento sociale, il rispetto delle distanze di sicurezza, il divieto di assembramento e la corretta modalità di utilizzo delle attrezzature sportive (a titolo esemplificativo e non esaustivo: prenotazione online o telefonica degli spazi, turnazioni, gestione degli accessi al sito sportivo e dei percorsi degli utenti).>> Dette restrizioni, vigenti sul territorio lombardo anche in difformità con quanto previsto da altre Regioni, si inquadrano nel disposto dell’art. 3 del Decreto Legge 19/20 del 25 marzo u.s.  che prevede che <<le Regioni, in relazione a specifiche situazioni sopravvenute di aggravamento del rischio sanitario verificatesi nel loro territorio possono introdurre misure  ulteriormente restrittive, tra quelle di cui all’articolo 1, comma 2.>>

Convenzione per sanificazione, dispositivi di protezione e cartellonistica

La prossima ripresa delle attività sportive, con la riapertura delle sale di scherma nelle modalità e nei tempi previsti dalle Autorità competenti, richiederà alle Società presenti sul territorio lombardo di sanificare gli ambienti e dotarsi di materiali idonei a soddisfare le normative, a seconda delle specificità e diversità di ciascuna. Il Comitato Regionale, a fronte di un’indagine di mercato, propone alle Società che dovessero essere interessate, alcune offerte in convenzione ed i contatti di riferimento di aziende per la sanificazione e fornitura dei materiali utili alla gestione post covid-19.

 

Sanificazione degli ambienti
DPI Mascherine, guanti e gel disinfettanti
Dispenser e consumabili per la detersione e disinfezione
Barriere in plexiglass, calpestabili e cartellonistica

Disposizioni previste dal DPCM del 26 aprile 2020

Si richiama l’attenzione delle Società su quanto disposto dal recente DPCM del 26.4.2020, di cui si riporta il testo dell’art. 1 comma g) in merito alla ripresa degli allenamenti individuali prevista a partire dal 4 maggio p.v. per i soli Atleti riconosciuti di interesse nazionale. In particolar modo si invitano le Società ad attendere l’emanazione delle linee guida da parte dell’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri in merito ai protocolli di tutela da rispettare , che verranno comunicati non appena resi noti dalle Autorità competenti e che dovranno essere scrupolosamente adottati.

<<Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Allo scopo di consentire la graduale ripresa delle attività sportive, nel rispetto di prioritarie esigenze di tutela della salute connesse al rischio di diffusione da COVID-19, le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti – riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali – sono consentite, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse, per gli atleti di discipline sportive individuali. A tali fini, sono emanate, previa validazione del comitato tecnico-scientifico istituito presso il Dipartimento della Protezione Civile, apposite Linee-Guida, a cura dell’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, su proposta del CONI ovvero del CIP, sentita la Federazione Medico Sportiva Italiana, le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva.>>

Si è riunito in videoconferenza il Consiglio del CRL

Si è riunito nella serata di venerdì il consiglio del Comitato Regionale Lombardia condotto dal Presidente Maurizio Novellini, che ha illustrato i punti salienti relativi alle iniziative intraprese dalla Federazione a sostegno delle Società e valutato insieme ai Consiglieri lo stato attuale e i possibili scenari futuri con diverse proposte da mettere in atto per la scherma lombarda, accanto a quelle già intraprese dal Comitato sin dai primi giorni della “quarantena”.

E’ stato approntato anche un sondaggio da compilare online rivolto alle Società lombarde nel merito delle proposte che il CR Lombardia porterà all’attenzione della prossima Consulta dei Comitati regionali.

Il sondaggio è raggiungibile a questo indirizzo: https://forms.gle/XFNbfy2VgtkPb9e78 e dovrà essere compilato una sola volta da ciascuna Società e inviato entro e non oltre il 21 aprile 2020.